Le personas

“Personas”.

Che strano termine! Un errore di battitura?!?

Non proprio.
A tutti sarà capitato di scrivere, o di immaginare di scrivere, un post Facebook per un cliente e pensare “Ma che bella idea ho avuto! Sono sicuro riceverà una marea di mi piace”.

E se questo non è avvenuto, ti chiedi subito perché e dove hai sbagliato.

Sì, effettivamente, il termine corretto è, personas non persone.

E allora, cosa sono le personas e perché sono importanti?

Le personas sono “personaggi” creati utilizzando un’insieme di dati e ipotesi, e le personas rappresentano i tuoi utenti.

Sono i tuoi clienti immaginari (perché non esistono), ma allo stesso tempo super realistici (perché creati a partire da dati reali).

A cosa servono le personas? A vestire i panni del pubblico. Ti permettono di definire e capire il target della tua comunicazione.

[tratto da: “http://www.pennamontata.com/news-copywriter/creazione-personas“]

“Elvira ha 25 anni, studia per diventare copywriter e a fine articolo avrà più chiaro il concetto di target.

Giulia ha 35 anni e lavora in un’agenzia di comunicazione. Segue i nostri social e il blog un po’ perché si rispecchia nella nostra vita quotidiana, un po’ per rimanere aggiornata sul mondo del web. A fine articolo potrà tornarle utile il PDF per creare le personas dei suoi clienti.

Marco, invece, è il responsabile comunicazione di Grandeazienda, ci segue perché trattiamo temi che gli interessano, abbiamo già attirato la sua attenzione e vuole contattarci per una consulenza.”

Le personas non sono universali: ogni brand e ogni settore ha le sue.

Come si creano le personas

Occorre fermarsi e pensare al pubblico, destinatario dei messaggi che stiamo per creare.

Per creare dei modelli realistici  di “audience”, è necessario conoscere il nostro pubblico a fondo, ed estrarre, dagli strumenti che abbiamo a disposizione, i dati necessari.

È fondamentale sapere a chi stai ci stiamo  rivolgendo. In un post Facebook, possiamo parlare anche di argomenti interessantissimi, ma, se non lo diciamo nel modo giusto e al target giusto, non otterremo nemmeno un “mi piace”, da persone realmente interessate alla nostra offerta. Al limite qualche svogliato “like” da persone di passaggio.

Quali strumenti utilizzare per creare le personas

Il primo strumento  è senza dubbio Google Analytics. Una volta entrati nel pannello di amministrazione, clicchiamo sulla voce “Pubblico”.

Avremo già una buona panoramica, generale, della tipologia di visitatori del nostro sito.

Un altro utile strumento sono gli Insight di Facebook.

Ecco a titolo di esempio, da quali dati derivano le tre personas, citate poco sopra, nell’articolo.

Personas-Facebook-Insights

Capito perché abbiamo pensato, prima di tutto, a due donne e a un uomo? Perché il pubblico femminile è superiore a quello maschile. Ci siamo basati anche sull’età dei nostri utenti e abbiamo, successivamente, studiato il loro modo di interagire con i nostri post. Analizzando il tasso di condivisione dei post, i click e le visite.

I dati che servono sono forniti, quindi, direttamente dai vari strumenti che utilizziamo per promuoverci.

Occorre solo ragionare su come interpretarli. Ecco uno dei tanti motivi per cui non è cosi vero che “puoi fare tutto da solo”.

Per creare le proprie, esclusive, “personas” serve tempo.

Occorre analizzare i commenti nei post, le conversazioni che si creano, le e-mail che arrivano, è necessario analizzare, per esempio con Google Adwords, con quali keyword gli utenti entrano nel sito e vedere quali sono le pagine più visitate, e da chi.

Non è detto che alcuni dati importanti nom possano derivare anche dal mondo “off-line”.

Parlare con  il responsabile commerciale dell’azienda per cui stiamo impostando al campagna di web marketing può fornire dati molto interessanti ed “inediti”.

E perché no, se possibile, intervistiamo direttamente il pubblico, il clienti.

Non esiste un modo univoco per andare costruire un profilo realistico dei nostri utenti; servono analisi, ragionamenti e… molta pazienza!

Come creare la carta d’identità delle personas

Una volta individuate le personas, è possibile creare una vera e propria carta d’identità, per ciascuno di loro.
Ricordiamo che le “personam” sono gli archetipi dei nostri clienti, in qualche modo la persona reale con cui stiamo dialogando, dietro al bancone del negozio.

In questo modo avremo sempre chiaro a chi stiamo parlando e utilizzeremo un tone of voice appropriato per ognuno dei nuovi “fan”.

Abbiamo parlato di “cara d’identità”.

Il sito Pennamontata, “http://www.pennamontata.com/news-copywriter/creazione-personas“, ci fornisce un esempio, come se si trattasse di un vero e proprio profilo anagrafico.

Questo è, per esempio, il documento di “Elvira Pennamontata”.

Informazioni personali

Nome: Elvira
Cognome: Pennamontata
Età: 25
Sesso: femminile
Dove vive: Roma
Famiglia: figlia unica e fidanzata
Formazione: laureata in Lettere e Filosofia
Lavoro: correttrice di bozze in una casa editrice
Potere d’acquisto: medio

Profilo

Com’è una sua giornata tipo: Elvira si sveglia presto la mattina, prende la metro e arriva a lavoro. Attacca alle 9:00 e stacca alle 18:00. In realtà alle 18:00 non stacca mai, perché ha spesso presentazioni di libri o appuntamenti con autori emergenti.
Quanta dimestichezza ha con il computer: medio/alta.
Quali sono le sue esigenze: Elvira sente che la sua formazione universitaria è obsoleta. Vuole conoscere le dinamiche del web per applicarle al suo lavoro. Ha capito che non basta avere una pagina Facebook per sponsorizzare i libri della casa editrice.
Quali sono i suoi obiettivi: imparare a lavorare sul web per far conoscere la casa editrice e i suoi testi, e aumentare così le vendite.
Quali sono i suoi timori: non sa da dove cominciare, a chi rivolgersi, dove approfondire la materia. Teme di scegliere un corso sbagliato e di buttar via i suoi risparmi.

Obiettivi e sfide

Cosa sta cercando: un corso di formazione in content marketing e social media marketing.
Come è arrivata a noi: attraverso un articolo del nostro blog. Poi ha googlato “Pennamontata” e ha scoperto che abbiamo tenuto, e teniamo, diversi corsi per diverse scuole.
Come possiamo aiutarla: con un corso di formazione in content marketing e social media marketing, sia in ufficio qui da noi sia a distanza, con un corso su Skype o Hangout solo per lei.
Come possiamo fidelizzarla: rimanendo a disposizione dopo la formazione per chiarimenti e supporto sul lavoro. Continuando a scrivere articoli che la tengano informata sul mondo del web marketing.
Quale tone of voice utilizzare: amichevole e ricco di entusiasmo.

Ora, forse, ti starai chiedendo: quante “personas”  posso/devo creare per studiare e implementare la mia campagna?
Non più di 5 o 6, altrimenti si rischia che i profili siano privi di spessori, troppo ipotetici, e poco aderenti alla realtà. Meglio pochi ma buoni.

Creare prototipi di pubblico non è semplice, ma è il modo migliore per creare una comunicazione efficace, che coglie nel segno.

25 agosto 2017
I rapporti umani e la comunicazione
Ci hanno insegnato a pensare in ottica di B2B, business to business, e di...

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *